Home » Il Gruppo » News » News » 2021 » Nuove regole doganali UK dal 1 gennaio 2022

Nuove regole doganali UK dal 1 gennaio 2022

Dal 1° gennaio 2022 entreranno in vigore i controlli doganali completi per tutte le merci esportate dall'Unione Europea in Gran Bretagna o importate nell'Unione Europea dalla Gran Bretagna attraverso i punti di confine in UK.
 
Ciò comporterà inevitabili ritardi poiché molte merci verranno sdoganate al punto di controllo doganale in UK o inviate ad un Inland Border Facility (IBF) per ulteriori controlli.

Al fine di ridurre al minimo i ritardi e semplificare il processo per i nostri clienti, Transmec utilizzerà il regime di “Transit” per sdoganare le spedizioni da/per il Regno Unito coi seguenti vantaggi:

  • Le merci potranno essere sdoganate presso tutti i magazzini Transmec UK che sono in regime di External Temporary Storage Facilities (ETSF) riducendo così al minimo i tempi di sdoganamento. I mezzi non saranno fermati ai punti di controllo doganale, ma avranno il permesso di procedere verso un ETSF.
  • Le singole spedizioni sdoganate presso l’ETSF potranno essere consegnate senza dover attendere che tutte le spedizioni all’interno del rimorchio del medesimo mezzo abbiano terminato le operazioni doganali.
  • Eventuali costi di magazzinaggio correlati all’adempimento dei controlli doganali UK eseguiti da Transmec saranno eventualmente coperti da Transmec stessa. 
  • Transmec si farà carico di ottenere il Goods Movement Reference (GMR) registrandosi nel sistema governativo UK GVMS (goods vehicle movement service) minimizzando così le attività amministrative da parte del cliente.
Sebbene il “Transit” comporti costi maggiori, che porteranno ad un adeguamento tariffario dal 01/01/2022, riteniamo che questo venga compensato dai vantaggi che ne conseguono in termini di servizio.

Vi ricordiamo che dal 1° gennaio 2022, tutte le spedizioni in export di prodotti fabbricati nell’UE del valore maggiore a 6.000€ avranno bisogno del numero REX da indicare sulla fattura di esportazione affinché l'importatore possa avere diritto all'aliquota di dazio zero/ridotta. Senza questo requisito, il dazio sarà corrisposto all'aliquota piena, senza nessuna eccezione (maggiori informazioni su come registrarsi qui).

Inoltre sulle fatture commerciali dovrà essere indicato il paese di origine e il relativo codice doganale e non più il codice origine EU che a breve sarà rimosso dal sistema doganale inglese e quindi non più riconosciuto.

In caso di errata documentazione fornita dal cliente, saremo costretti ad addebitare il costo minimo di 50 € per la gestione della rettifica all’ufficio doganale più costi di magazzino (per i giorni di sosta fino a completamento delle operazioni doganali).